Produzioni Letterarie

Inserire testo introduttivo alle produzione letterarie (se c’é)
blablablablablablablablablablablablabla
blablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablablabla

copertina Il campoGiusto

“La riedizione, dopo molti anni, delle memorie partigiane di Elio Cicchetti restituisce una testimonianza fresca e viva, forse la più viva della Resistenza bolognese. Sotto l’apparenza di una narrazione incalzante delle esperienze dell’autore, è anche intensamente meditata, densa di significati che si possono apprezzare più oggi che negli anni nei quali furono pubblicate le prime edizioni, tra il 1970 e il 1976”. (Dall’introduzione di Luca Alessandrini)

copertina Il campoGiusto

“La riedizione, dopo molti anni, delle memorie partigiane di Elio Cicchetti restituisce una testimonianza fresca e viva, forse la più viva della Resistenza bolognese. Sotto l’apparenza di una narrazione incalzante delle esperienze dell’autore, è anche intensamente meditata, densa di significati che si possono apprezzare più oggi che negli anni nei quali furono pubblicate le prime edizioni, tra il 1970 e il 1976”. (Dall’introduzione di Luca Alessandrini)

copertina Il campoGiusto

“La riedizione, dopo molti anni, delle memorie partigiane di Elio Cicchetti restituisce una testimonianza fresca e viva, forse la più viva della Resistenza bolognese. Sotto l’apparenza di una narrazione incalzante delle esperienze dell’autore, è anche intensamente meditata, densa di significati che si possono apprezzare più oggi che negli anni nei quali furono pubblicate le prime edizioni, tra il 1970 e il 1976”. (Dall’introduzione di Luca Alessandrini)

copertina Il campoGiusto

“La riedizione, dopo molti anni, delle memorie partigiane di Elio Cicchetti restituisce una testimonianza fresca e viva, forse la più viva della Resistenza bolognese. Sotto l’apparenza di una narrazione incalzante delle esperienze dell’autore, è anche intensamente meditata, densa di significati che si possono apprezzare più oggi che negli anni nei quali furono pubblicate le prime edizioni, tra il 1970 e il 1976”. (Dall’introduzione di Luca Alessandrini)

copertina Il campoGiusto

“La riedizione, dopo molti anni, delle memorie partigiane di Elio Cicchetti restituisce una testimonianza fresca e viva, forse la più viva della Resistenza bolognese. Sotto l’apparenza di una narrazione incalzante delle esperienze dell’autore, è anche intensamente meditata, densa di significati che si possono apprezzare più oggi che negli anni nei quali furono pubblicate le prime edizioni, tra il 1970 e il 1976”. (Dall’introduzione di Luca Alessandrini)